Ciao e benvenuta su MyFloreschic!

Dietro al tuo monitor e dietro alle pagine che leggerai ci sono io, Mariacarla, una donna di 50 anni (e un po’!) che ha deciso di dar vita al blog che sognava di leggere ma che non aveva trovato in rete.

Tutti i blog beauty, moda e lifestyle che consultavo parlavano ad un target di giovanissime o giovani. Come ritornare in forma dopo il parto o come vestirmi a una laurea erano problemi che mi ponevo un po’ di anni or sono!

Oggi mi interessano altri tipi di creme rispetto a quando avevo 30 anni (hai presente le creme antiage? ) , altri tipi di outfit, ma non solo.

Gli interessi che avevo a 35 anni non corrispondono a quelli che ho oggi.

Oggi mi interessa il benessere, quello che parte dal fisico ma che al tempo stesso prescinde da esso.

Mi interessa prendermi cura di me, ma non per compiacere gli altri: piuttosto perché il mio corpo è ciò che mi permette di fronteggiare il mondo.

Mi interessa vestirmi bene e sentirmi a mio agio.

Mostrare al mondo e a me stessa, anche attraverso ciò che indosso, che una donna di 50 anni è una donna in rinascita, la cui bellezza passa dagli occhi, dai ricordi, dalla grinta che ci mette ad affrontare la vita.

Essere una donna “anta” non vuol dire smettere di curarsi, non vuol dire smettere di amare il proprio lavoro né il divertimento.

Avere 50 anni, per me, vuol dire affrontare la vita con una nuova consapevolezza,con il discernimento di chi ne ha viste tante,con il coraggio di chi ha ancora tante cose da scoprire.

E Myfloreschic nasce il 2 dicembre del 2015 proprio per questo.

Per parlare a voi e con voi, donne come me, donne “anta” tenaci e piene di vita.

Parlare di cosa?

Di bellezza, moda, stile di vita, cucina, cancelleria e chissà cos’altro deciderò man mano di raccontarvi e condividere.

Vi piace l’idea?

A me sì, e spero mi aiutate a sviluppare questo posto virtuale dove ognuna di noi possa trovare le proprie risposte.

Perché noi non ci vergogniamo di usare le creme antirughe, perché non ci va di fare le suocere o le nonne e basta, perché abbiamo ancora tanto da dare.

E da prendere!

 

SalvaSalva

SalvaSalva