Menopausa rimedi naturali: come tenere a bada i sintomi?

Menopausa rimedi naturali: sebbene ci siano diverse soluzioni ormonali sostitutive, i metodi naturali sono sempre da preferire prima di passare alle “maniere forti”. Sebbene non sia possibile impedire l’insorgenza dei sintomi, si può comunque controllarne l’intensità.

Fino agli anni 90 la tendenza era quella di ricorrere alle terapie ormonali sostitutive per alleviare i disturbi, che di fatto però venivano solo rimandati. Senza contare che nel 2000 è stata scoperta una correlazione tra estrogeni e rischio di tumore mammario. Quindi insomma, non va del tutto demonizzato questo approccio, ma va preso con le pinze e solo in ultima soluzione.

I primi sintomi della menopausa iniziano ad affiorare intorno ai 50 anni, e negli ultimi decenni la comunità scientifica ha iniziato finalmente a prestare il giusto interesse nei confronti di una condizione che riguarda circa un terzo della vita di una donna. Ma cosa succede esattamente alla donna che va in menopausa? Quali sono i sintomi? E perché si presentano?

 

Menopausa: cos’è?

La menopausa è quella fase fisiologica della vita di una donna caratterizzata da variazioni ormonali molto importanti, artefici della scomparsa del ciclo mestruale e quindi della capacità riproduttiva. Il ciclo mestruale della donna inizia intorno ai 13 anni con il menarca (la prima mestruazione) e cessa intorno ai 45 / 55 anni.

La menopausa di fatto sopraggiunge quando le ovaie smettono di produrre gli ormoni della riproduzione, ma si può parlare di menopausa solo se sono trascorsi almeno 12 mesi dall’ultima mestruazione.

leggi anche : i dieci migliori alimenti contro lo stress

Sintomi menopausa: quando iniziano? La premenopausa

Va però detto che la menopausa non è un evento repentino, ma avviene in maniera graduale. Infatti, circa quattro anni prima della scomparsa definitiva delle mestruazioni, la produzione degli ormoni riproduttivi inizia a diminuire. Il ciclo inizia a fare le bizze, anticipando le mestruazioni o rallentandone la comparsa. Questa fase è chiamata premenopausa.

Ed è proprio in questa fase che si iniziano ad accusare i sintomi fastidiosi, come vampate di calore, gonfiori, aumento di peso e aumento della sudorazione notturna con conseguenti disturbi del sonno. Ma alcune donne accusano anche problemi di natura diversa, come depressione, ansia, difficoltà a concentrarsi, problemi di memoria, calo della libido, irascibilità, sbalzi di umore  e spossatezza. I problemi neurovegetativi dipendono sia dal calo degli estrogeni che dal fatto che la donna in menopausa vive una fase emotivamente molto complessa.

I sintomi comunque non durano per sempre, ma fino a circa un anno dopo dell’ultima mestruazione.

 

Menopausa rimedi naturali: quali?

Come dicevamo all’inizio è impossibile evitare tutti i sintomi della menopausa e della premenopausa, ma è possibile alleviarli modificando alcune abitudini di vita. Innanzitutto va controllata l’alimentazione e va introdotta l’attività fisica laddove mancasse. Inoltre bisogna ridurre al minimo, se proprio non si riesce a farne a meno, di alcol e fumo, che peggiorano la situazione. Infatti il sovrappeso, il fumo e l’alcol hanno un peso notevole sull’intensità dei sintomi.

Puoi trovare sollievo anche con l’omeopatia, l’agopuntura, lo yoga e la fitoterapia. Ma esistono anche dei rimedi casalinghi molto validi, alimenti che puoi facilmente trovare al supermercato.

 

1.  Aceto di mele

L’aceto di mele è utilissimo per rivitalizzare e rimineralizzare l’organismo, e favorisce il controllo ormonale. Assumine 2 cucchiai (20 ml, di aceto puro di mele) ogni sera prima di andare a dormire, in un bicchiere d’acqua calda con un cucchiaio di miele.

2. Olio di semi di lino

Ricco di acidi grassi benefici e di fitoestrogeni, l’olio di lino pare essere il siero della giovinezza delle donne dell’est. Consumalo delle insalate o nella preparazione dei cibi come un comune olio di semi o di oliva, oppure ingeriscine un cucchiai a digiuno tutti i giorno.

3. Chiodi di garofano

I chiodi di garofano possiedono una quantità abbondante di isoflavonifitoestrogeni che riducono in particolar modo le vampate di calore. Assumili così: con un cucchiaio di chiodi di garofano (5 gr) prepara un infuso,  portando ad ebollizione  una tazza d’acqua e aggiungendo poi i chiodi. Lascia riposare per 10 minuti, filtra e bevi. Consuma questo infuso 2 volte al giorno.

4. Salvia

La salvia rilassa il corpo e concilia il sonno (inoltre migliora la digestione, attutisce il mal di testa e ferma la diarrea). Puoi preparare un infuso con un cucchiaio di salvia (10 gr) in una tazza d’acqua bollente, allo stesso modo di quella con i chiodi di garofano. Anche questo va assunto 2 volte al giorno.

5. Olio di enotera

L’olio di enotera ha un alto contenuto d acido linoleico, che migliora la qualità del sonno, regola gli estrogeni e, se applicato sulla pelle, la rinfresca e riduce il dolore. Si può assumere sia per via orale prima di andare a dormire, applicandone alcune gonne in un bicchiere d’acqua calda, oppure sulla cute, concentrandosi sulle zone dove si riscontra una maggiore sudorazione.

Conclusioni

La migliore cura… è la cura! La cura verso te stessa: non sentirti invecchiata, è solo un’altra fase di vita, che affronterai con tutto il bagaglio di esperienze che hai accumulato fino ad oggi. Quindi mangia meglio e assumi molte vitamine (soprattutto calcio e vitamina D) e proteine, fai attività fisica in maniera regolare, e non per forza sport estremi: va benissimo anche una camminata di 30 minuti al giorno. Il movimento ti aiuterà soprattutto a contrastare le vampate di calore. Infine allontana da te le fonti di stress e prova a praticare esercizi di rilassamento, passa del tempo all’aria aperta e dormi in stanze ben areate.

 

leggi anche : come ho curato il mio mal di schiena con il Pilates

 

Seguici anche su Facebook  e Instagram